vlc e vwvlc

classic Classic list List threaded Threaded
13 messages Options
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

vlc e vwvlc

ObiMarco
ciao a tutti, sapete dove è finito vlc per gtk? su hoary c'era, adesso
su breezy c'è solo wxvlc che è graficamente una schifezza.
c'è anche un gnome-vlc ma la descrizione dice che è un pacchetto inutile
e desueto, di usare wxvlc. è la stessa cosa che mi diceva in hoary, ma
poi lì partiva comunque con le gtk, qui no, che devo fare?
stesso problema per bittornado.
ciao, grazie


--
ubuntu-it mailing list
[hidden email]
http://lists.ubuntu.com/mailman/listinfo/ubuntu-it
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: vlc e vwvlc

Luca Cappelletti
ObiMarco wrote:

> ciao a tutti, sapete dove � finito vlc per gtk? su hoary c'era, adesso
> su breezy c'� solo wxvlc che � graficamente una schifezza.

Ciao,

il pacchetto si chiama:

gvlc

poi abiliti lo skins2

vai su:

http://www.videolan.org/vlc/download-skins2.html

ti scarichi lo skin di tua preferenza e lo installi.

Ciao,

Luca Cappelletti
Infodomestic.com


--
ubuntu-it mailing list
[hidden email]
http://lists.ubuntu.com/mailman/listinfo/ubuntu-it
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: vlc e vwvlc

ObiMarco
Luca Cappelletti ha scritto:

>
> il pacchetto si chiama:
>
> gvlc

è lo stesso che gnome-vlc, in realtà è un finto-pacchetto che fa
installare e usare wxvlc

> poi abiliti lo skins2
>
> vai su:
>
> http://www.videolan.org/vlc/download-skins2.html
>
> ti scarichi lo skin di tua preferenza e lo installi.

quelli sono skins, io parlo dell'interfaccia generica con le wx che
dovrebbero richiamare il tema delle gtk, come succedeva nella versione
di hoary.
comunque ho trovato su ubuntuforums l'origine del problema, per chi
fosse interessato:
http://www.ubuntuforums.org/showthread.php?t=75322&highlight=wxvlc
http://www.ubuntuforums.org/showthread.php?t=82025

da lì si ha tra l'altro un'ulteriore conferma della insana nuova
politica sui programmi e librerie che danno "fastidio" agli americani, e
della decisione del team ubuntu di asservirsi totalmente a loro, dopo
avere vilmente scippato i backports alla comunità, senza minimamente
curarsi del fatto che europei, sudafricani e la maggior parte del mondo
che non siano gli stati uniti hanno diverse regole, meno restrittive, su
quei programmi. se questo è il concetto di comunità... (i server non
sono tutti necessariamente in america). che la natura sempre più
commerciale di ubuntu abbia bisogno di inchinarsi alle regole americane
a scapito di tutti gli altri compresi gli europei il cui parlamento si è
recentemente così brillantemente opposto ai vili tentativi di inserire
brevetti ovunque?
aspetterò comunque i prossimi sei mesi e la prossima release per vedere
le evoluzioni della cosa, prima di rispedire a Canonical i suoi cd, con
la sua finta "umanità per gli altri" e con allegata una gragnuola di
sputi in faccia. una tale "falsità per gli altri" non la si vedeva dai
tempi in cui lo zio Bill rese disponibile per tutti i prodotti microsoft
(perchè windows e office così facilmente crackabili erano un espediente
per conquistare il mercato e le analogie con ubuntu, al di là dei
free/nonfree non sono così impossibili).




--
ubuntu-it mailing list
[hidden email]
http://lists.ubuntu.com/mailman/listinfo/ubuntu-it
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Re: vlc e vwvlc

Leonardo-3
On Fri, 2005-11-04 at 11:15 +0100, ObiMarco wrote:

>
> quelli sono skins, io parlo dell'interfaccia generica con le wx che
> dovrebbero richiamare il tema delle gtk, come succedeva nella versione
> di hoary.
> comunque ho trovato su ubuntuforums l'origine del problema, per chi
> fosse interessato:
> http://www.ubuntuforums.org/showthread.php?t=75322&highlight=wxvlc
> http://www.ubuntuforums.org/showthread.php?t=82025
>
> da l� si ha tra l'altro un'ulteriore conferma della insana nuova
> politica sui programmi e librerie che danno "fastidio" agli americani, e
> della decisione del team ubuntu di asservirsi totalmente a loro, dopo
> avere vilmente scippato i backports alla comunit�, senza minimamente
> curarsi del fatto che europei, sudafricani e la maggior parte del mondo
> che non siano gli stati uniti hanno diverse regole, meno restrittive, su
> quei programmi. se questo � il concetto di comunit�... (i server non
> sono tutti necessariamente in america). che la natura sempre pi�
> commerciale di ubuntu abbia bisogno di inchinarsi alle regole americane
> a scapito di tutti gli altri compresi gli europei il cui parlamento si �
> recentemente cos� brillantemente opposto ai vili tentativi di inserire
> brevetti ovunque?
> aspetter� comunque i prossimi sei mesi e la prossima release per vedere
> le evoluzioni della cosa, prima di rispedire a Canonical i suoi cd, con
> la sua finta "umanit� per gli altri" e con allegata una gragnuola di
> sputi in faccia. una tale "falsit� per gli altri" non la si vedeva dai
> tempi in cui lo zio Bill rese disponibile per tutti i prodotti microsoft
> (perch� windows e office cos� facilmente crackabili erano un espediente
> per conquistare il mercato e le analogie con ubuntu, al di l� dei
> free/nonfree non sono cos� impossibili).
>
>
Grazie per i link, ho trovato dove scaricare vlc gtk2 ,l'ho cercavo da tanto

Ciao
Leonardo



--
ubuntu-it mailing list
[hidden email]
http://lists.ubuntu.com/mailman/listinfo/ubuntu-it
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Re: vlc e vwvlc

Massimo Mangoni
In reply to this post by ObiMarco
Alle 11:15, venerdì 4 novembre 2005, ObiMarco ha scritto:

> comunque ho trovato su ubuntuforums l'origine del problema, per chi
> fosse interessato:
> http://www.ubuntuforums.org/showthread.php?t=75322&highlight=wxvlc
> http://www.ubuntuforums.org/showthread.php?t=82025
>
> da lì si ha tra l'altro un'ulteriore conferma della insana nuova
> politica sui programmi e librerie che danno "fastidio" agli americani, e
> della decisione del team ubuntu di asservirsi totalmente a loro, dopo
> avere vilmente scippato i backports alla comunità, senza minimamente
> curarsi del fatto che europei, sudafricani e la maggior parte del mondo
> che non siano gli stati uniti hanno diverse regole, meno restrittive, su
> quei programmi. se questo è il concetto di comunità... (i server non
> sono tutti necessariamente in america). che la natura sempre più
> commerciale di ubuntu abbia bisogno di inchinarsi alle regole americane
> a scapito di tutti gli altri compresi gli europei il cui parlamento si è
> recentemente così brillantemente opposto ai vili tentativi di inserire
> brevetti ovunque?
Ma quale e` la cosa che ti turba in particolare? Il fatto che Ubuntu decida di
non supportare i codec propietari? Questo non mi sembra poi cosi` sbagliato.
Personalmente preferisco, per fare un esempio, un sistema che inviti l'utente
a crearsi un file audio in formato ogg piuttosto che in mp3: magari questo
puo` aiutare la diffusione degli standard aperti ed un domani avremo
mini-lettori ogg... Ovviamente dico inviti, non obblighi: ma l'obbligo non
c'e`, perche' sei sempre libero, sia che le regole del tuo Paese lo permettano
oppure no, di scaricarti da altri repositories il supporto per i codec che
preferisci. Se gli sforzi della comunita` devono concentrarsi in particolare
sul supporto di alcuni formati, preferisco che lo facciano su quelli aperti.


> aspetterò comunque i prossimi sei mesi e la prossima release per vedere
> le evoluzioni della cosa, prima di rispedire a Canonical i suoi cd, con
> la sua finta "umanità per gli altri" e con allegata una gragnuola di
> sputi in faccia. una tale "falsità per gli altri" non la si vedeva dai
> tempi in cui lo zio Bill rese disponibile per tutti i prodotti microsoft
> (perchè windows e office così facilmente crackabili erano un espediente
> per conquistare il mercato e le analogie con ubuntu, al di là dei
> free/nonfree non sono così impossibili).

Anche se un domani Ubuntu dovesse diventare l'incarnazione del diavolo,
considera il fatto che tutto il lavoro svolto dalla sua fondazione fino ad
allora rimarrebbe come patrimonio della comunita` e chiunque potrebbe
ripartire dal punto che vuole con un suo progetto (lo puo` fare anche adesso).
Non mi sembra che Microsoft Office venga distribuito con licenza GPL :-)

Ciao,
 Massimo

--
  .~.   Massimo Mangoni
  /V\   GNU/Linux registered user #140811
 // \\  http://m4ng0.lilik.it
/(   )\ GPG Key fgpr = E1E6 447E 67FF 2E57 B43F  7033 5DEC 3FFE EDE0 7DDC
 ^`~'^


--
ubuntu-it mailing list
[hidden email]
http://lists.ubuntu.com/mailman/listinfo/ubuntu-it
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Re: vlc e vwvlc

eminux
In reply to this post by ObiMarco
Il giorno ven, 04/11/2005 alle 11.15 +0100, ObiMarco ha scritto:

> Luca Cappelletti ha scritto:
>
> >
> > il pacchetto si chiama:
> >
> > gvlc
>
> è lo stesso che gnome-vlc, in realtà è un finto-pacchetto che fa
> installare e usare wxvlc
>
> > poi abiliti lo skins2
> >
> > vai su:
> >
> > http://www.videolan.org/vlc/download-skins2.html
> >
> > ti scarichi lo skin di tua preferenza e lo installi.
>
> quelli sono skins, io parlo dell'interfaccia generica con le wx che
> dovrebbero richiamare il tema delle gtk, come succedeva nella versione
> di hoary.
> comunque ho trovato su ubuntuforums l'origine del problema, per chi
> fosse interessato:
> http://www.ubuntuforums.org/showthread.php?t=75322&highlight=wxvlc
> http://www.ubuntuforums.org/showthread.php?t=82025
>
> da lì si ha tra l'altro un'ulteriore conferma della insana nuova
> politica sui programmi e librerie che danno "fastidio" agli americani, e
> della decisione del team ubuntu di asservirsi totalmente a loro, dopo
> avere vilmente scippato i backports alla comunità, senza minimamente
> curarsi del fatto che europei, sudafricani e la maggior parte del mondo
> che non siano gli stati uniti hanno diverse regole, meno restrittive, su
> quei programmi. se questo è il concetto di comunità... (i server non
> sono tutti necessariamente in america). che la natura sempre più
> commerciale di ubuntu abbia bisogno di inchinarsi alle regole americane
> a scapito di tutti gli altri compresi gli europei il cui parlamento si è
> recentemente così brillantemente opposto ai vili tentativi di inserire
> brevetti ovunque?
> aspetterò comunque i prossimi sei mesi e la prossima release per vedere
> le evoluzioni della cosa, prima di rispedire a Canonical i suoi cd, con
> la sua finta "umanità per gli altri" e con allegata una gragnuola di
> sputi in faccia. una tale "falsità per gli altri" non la si vedeva dai
> tempi in cui lo zio Bill rese disponibile per tutti i prodotti microsoft
> (perchè windows e office così facilmente crackabili erano un espediente
> per conquistare il mercato e le analogie con ubuntu, al di là dei
> free/nonfree non sono così impossibili).
>
>
secondo me non sai cosa stai dicendo... cmq questo non è il posto adatto
per svuotare i propri sacchi di rancori verso chiunque... considero il
tuo post politico e anche politicamente non corretto... viva ubuntu e se
non ti piace... beh... problemi tuoi...
>
--
eminux
Linux registered user #380522
Coltiva linux...tanto windows si pianta da solo...

--
ubuntu-it mailing list
[hidden email]
http://lists.ubuntu.com/mailman/listinfo/ubuntu-it

signature.asc (196 bytes) Download Attachment
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: vlc e vwvlc

ObiMarco
In reply to this post by Massimo Mangoni
M4nG0 ha scritto:

> Ma quale e` la cosa che ti turba in particolare? Il fatto che Ubuntu decida di
> non supportare i codec propietari? Questo non mi sembra poi cosi` sbagliato.
> Personalmente preferisco, per fare un esempio, un sistema che inviti l'utente
> a crearsi un file audio in formato ogg piuttosto che in mp3: magari questo
> puo` aiutare la diffusione degli standard aperti ed un domani avremo
> mini-lettori ogg... Ovviamente dico inviti, non obblighi: ma l'obbligo non
> c'e`, perche' sei sempre libero, sia che le regole del tuo Paese lo permettano
> oppure no, di scaricarti da altri repositories il supporto per i codec che
> preferisci. Se gli sforzi della comunita` devono concentrarsi in particolare
> sul supporto di alcuni formati, preferisco che lo facciano su quelli aperti.
quando la comunità era libera allora sì che si poteva scegliere se
mettere nei backports, risorsa della comunità, programmi che la gran
parte della comunità voleva, come i codec, cosa assolutamente legale.
la comunità aveva un posto dove mettere i deb frutto del suo lavoro e
delle richieste della comunità stessa, adesso TU in quei posti sei
libero di scegliere di non prenderti quei codec, cosa che eri libero di
fare anche prima, io e moltissimi altri non siamo liberi di scegliere di
prenderli da lì, gìà fatti e senza lungaggini.

> Anche se un domani Ubuntu dovesse diventare l'incarnazione del diavolo,
> considera il fatto che tutto il lavoro svolto dalla sua fondazione fino ad
> allora rimarrebbe come patrimonio della comunita` e chiunque potrebbe
> ripartire dal punto che vuole con un suo progetto (lo puo` fare anche adesso).
> Non mi sembra che Microsoft Office venga distribuito con licenza GPL :-)

quello con microsoft era ovviamente un paradosso. se fra un po' di tempo
dovessi lasciare ubuntu, cosa che farei a malincuore e procrtastino
proprio nella speranza di scoprire che le mie impressioni sono
sbagliate, non tornerei certo su windows. ma le delusioni che mi sta
dando canonical e peggio ancora la parte della comunità più intimamente
legata ai suoi dettami sono notevoli e ingenti e se c'è una cosa che mi
dà fastidio in ubuntu è lo sbandierare doti virtù e morali che sono ben
lontane dal vero: queste infatti si possono avere o non avere e io non
giudicherei mai ciò, anzi, ma la falsità di un'illusione che svanisce
all'alba, codesta mi è intollerabile. breezy e i nuovi backports sono
non uno, ma cento passi indietro nel rispetto della libertà di scegliere
non del singolo utente, ma di una comunità tutta che può avere esigenze
diverse da quelle commerciali di chi l'ha fondata: è qui l'atroce
inganno, il far credere che queste esigenze commerciali, legittime se
palesi, non influiranno mai sulle decisioni del team di sviluppo. e non
a caso ubuntu è sempre più lontana da debian, sempre meno compatibile,
sempre più sottilmente traditrice, per non parlare del rapporto con
openoffice, delle difficoltà del cui team di sviluppo si è ampiamente
fregata (che ci voleva a rimandare di qualche giorno l'uscita di breezy,
considerato che le distribuzioni-desktop linux devono tutto o quasi a
quel programma per la loro diffusione) si limita a sfruttarlo e per il
resto chi se frega, bell'esempio di opensource.
certo la si può considerare un male necessario: più utenti toglierà a
microsoft più ne avranno linux e allora le case che fanno i driver
cambieranno la loro politica, e magari adobe e macromedia o altri
scriveranno le loro suite anche per linuux, e questo farà sorgere altri
e più stabili programmi free, etc... in parte sono pienamente daccordo.
ma uno standard malato è uno standard malato, e il pericolo è che ci si
debba uniformare a quello, se realtà come debian nel lungo periodo non
sopravviveranno.
boh, ho fatto una bella spatafiata, ma è che tutto ciò mi ha fatto un
po' alterare, però ripeto: sarò felice di sbagliarmi e tenermi ubuntu se
le prossime release mi sbugiarderanno.

ciao,
Marco



--
ubuntu-it mailing list
[hidden email]
http://lists.ubuntu.com/mailman/listinfo/ubuntu-it
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: vlc e vwvlc

ObiMarco
In reply to this post by eminux
Emiliano ha scritto:
> secondo me non sai cosa stai dicendo...

mi sembra che tu non sappia cosa stai dicendo, sarà la frenesia di dover
per forza dare una risposta a vanvera, e te lo dimostro subito:


> cmq questo non è il posto adatto
> per svuotare i propri sacchi di rancori verso chiunque

forse dovresti informarti su dove stiamo scrivendo: questa è la
mailing-list di ubuntu e i dubbi più profondi su questa distribuzione
trovano il giusto scenario qui e non certo al mercato dei polli.
a meno che la comunità non voglia solo occuparsi di argomenti non
"fastidiosi"... i rancori poi sa dio che c'entrano, fammi piuttosto
capire che sbaglio, ma con i fatti, e sarò felice di fare ammenda

>... considero il
> tuo post politico e anche politicamente non corretto

non mi sembra proprio di aver mai fatto considerazioni di tipo politco
classico, se poi in "nuova politica dei backports" tu trovi dei
riferimenti a schieramenti parlamentari, bè, forse dovresti rivedere un
po' le tue capacità di comprensione verbale

>... viva ubuntu e se
> non ti piace... beh... problemi tuoi...

eccoti finalmente allo scoperto, hai capito proprio tutto
dell'opensource e della comunità...






--
ubuntu-it mailing list
[hidden email]
http://lists.ubuntu.com/mailman/listinfo/ubuntu-it
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Comportamento in lista (era Re: Re: vlc e vwvlc)

Matthew East
On Fri, 2005-11-04 at 17:03 +0100, ObiMarco wrote:
> Emiliano ha scritto:

Voglio ricordare a tutti che in questa lista non va bene fare
discussioni accese, personali e lite. Per evitare che le discussioni
diventino di questo tipo, vi prego di consultare le linee guida per la
nostra mailing list[1]. Fate particolare attenzione agli estratti dal
codice di condotta di Ubuntu. Troverete il testo intero del codice
qui[2] e invito a tutti noi di leggerlo regolarmente (a volte si scorda
facilmente di quello che dice).

[1] http://wiki.ubuntu-it.org/Listiquette
[2] http://www.ubuntu-it.org/index.php?page=Il_Codice_di_Condotta

Grazie

Matt

--
ubuntu-it mailing list
[hidden email]
http://lists.ubuntu.com/mailman/listinfo/ubuntu-it

signature.asc (196 bytes) Download Attachment
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Re: vlc e vwvlc [OT]

eminux
In reply to this post by ObiMarco
Il giorno ven, 04/11/2005 alle 17.03 +0100, ObiMarco ha scritto:

> Emiliano ha scritto:
> > secondo me non sai cosa stai dicendo...
>
> mi sembra che tu non sappia cosa stai dicendo, sarà la frenesia di dover
> per forza dare una risposta a vanvera, e te lo dimostro subito:
>
>
> > cmq questo non è il posto adatto
> > per svuotare i propri sacchi di rancori verso chiunque
>
> forse dovresti informarti su dove stiamo scrivendo: questa è la
> mailing-list di ubuntu e i dubbi più profondi su questa distribuzione
> trovano il giusto scenario qui e non certo al mercato dei polli.
> a meno che la comunità non voglia solo occuparsi di argomenti non
> "fastidiosi"... i rancori poi sa dio che c'entrano, fammi piuttosto
> capire che sbaglio, ma con i fatti, e sarò felice di fare ammenda
>
> >... considero il
> > tuo post politico e anche politicamente non corretto
>
> non mi sembra proprio di aver mai fatto considerazioni di tipo politco
> classico, se poi in "nuova politica dei backports" tu trovi dei
> riferimenti a schieramenti parlamentari, bè, forse dovresti rivedere un
> po' le tue capacità di comprensione verbale
>
> >... viva ubuntu e se
> > non ti piace... beh... problemi tuoi...
>
> eccoti finalmente allo scoperto, hai capito proprio tutto
> dell'opensource e della comunità...
>
ti incollo un pezzo di una mail di Beniamino Caputo
"Inopportuno ... non è il tuo pensiero ovviamente, ma il fatto di
esprimerlo in questa lista.

Accettabili le divagazioni/disquisizioni sul termine "Ubuntu", ma
limitiamoci eventualmente, a discutere del significato del termine e non
delle ideologie che possono esserci dietro.

Ricordiamoci che in questa lista non sono ammesse discussioni politiche,
sociali, a carattere sessuale, discriminatorie, etc, etc."

la mail è del 21/09/2005

poi francamente mi sembri OT...

grazie a Matthew che ci ha ricordato qualche link...
cmq la finisco qui (scusate...)
--
eminux
Linux registered user #380522
Coltiva linux...tanto windows si pianta da solo...

--
ubuntu-it mailing list
[hidden email]
http://lists.ubuntu.com/mailman/listinfo/ubuntu-it

signature.asc (196 bytes) Download Attachment
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Comportamento in lista (era Re: Re: vlc e vwvlc)

ObiMarco
In reply to this post by Matthew East
Matthew East ha scritto:

> Voglio ricordare a tutti che in questa lista non va bene fare
> discussioni accese, personali e lite. Per evitare che le discussioni
> diventino di questo tipo, vi prego di consultare le linee guida per la
> nostra mailing list[1]. Fate particolare attenzione agli estratti dal
> codice di condotta di Ubuntu. Troverete il testo intero del codice
> qui[2] e invito a tutti noi di leggerlo regolarmente (a volte si scorda
> facilmente di quello che dice).
>
> [1] http://wiki.ubuntu-it.org/Listiquette
> [2] http://www.ubuntu-it.org/index.php?page=Il_Codice_di_Condotta

> Matt

Vedi, Matt, ho ben presenti quelle regole,  e proprio perchè le ho ben
presenti gradirei che le risposte ai miei dubbi fossero costruttive e
non attacchi fondati sul nulla. non mi sembra infatti sia mancato il
rispetto con M4nG0, pur essendo in disaccordo con lui: si trattava di
opinioni. ben diverso l'altro caso.
comunque ripeto ancora una volta, le mie considerazioni si fondano su
letture dei forum internazionali e su una realtà che ritengo cambiata,
ma se qualcuno dovesse farmi capire che sono sbagliate, tanto meglio.
è anche per questo che mi sono sfogato qui, per sentire opinioni di altri.
OPINIONI, però!

Ciao,
Marco



--
ubuntu-it mailing list
[hidden email]
http://lists.ubuntu.com/mailman/listinfo/ubuntu-it
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Re: Comportamento in lista (era Re: Re: vlc e vwvlc)

Beniamino Caputo
Il giorno ven, 04/11/2005 alle 17.28 +0100, ObiMarco ha scritto:
> Matthew East ha scritto:
>
> > Voglio ricordare a tutti che in questa lista non va bene fare
> > discussioni accese, personali e lite.

snip

> Vedi, Matt, ho ben presenti quelle regole,  e proprio perchè le ho ben
> presenti gradirei che le risposte ai miei dubbi fossero costruttive e
> non attacchi fondati sul nulla. non mi sembra infatti sia mancato il
> rispetto con M4nG0, pur essendo in disaccordo con lui: si trattava di
> opinioni. ben diverso l'altro caso.
> comunque ripeto ancora una volta, le mie considerazioni si fondano su
> letture dei forum internazionali e su una realtà che ritengo cambiata,
> ma se qualcuno dovesse farmi capire che sono sbagliate, tanto meglio.
> è anche per questo che mi sono sfogato qui, per sentire opinioni di altri.
> OPINIONI, però!
>
> Ciao,
> Marco
Ciao,
credo che una discussione riguardante l'indirizzo e le scelte che Ubuntu
decide di adottare non sia fuori luogo in questa lista, anche perchè
possiamo dire la nostra e partecipare attivamente in queste scelte.

L'importante è che la discussione si svolga civilmente, con il fine di
scambiarsi pareri per capire i motivi ed eventualmente gli errori di
queste scelte.

Ho visto tirare in ballo Canonical o accusare Ubuntu di mancanza di
rispetto nei confronti del team di Openoffice .... secondo me in modo
non corretto.

Non sono informato sulle questioni riguardanti codec, vlc etc ....
diciamo che è un settore che non mi interessa.

A volte dietro delle scelte che potrebbero sembrare politiche ci sono
invece delle scelte tecniche, quali ad esempio le difficoltà di
conciliare pacchetti "Universe" con parti di software relegate in
"Multiverse" etc ...

La mia è solo un'opinione.
Ribadisco .... l'importante, come ha detto Matt, è discutere civilmente
rispettando le opinioni degli interlocutori, giuste o sbagliate che
siano.

Ciao
--
------------------------------
Beniamino Caputo
[hidden email]
ICQ: 255266005
IRC: Mizar su Freenode.net



--
ubuntu-it mailing list
[hidden email]
http://lists.ubuntu.com/mailman/listinfo/ubuntu-it
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Re: vlc e vwvlc [OT]

Fabio Marzocca
In reply to this post by eminux
On 11/4/05, Emiliano <[hidden email]> wrote:
> ti incollo un pezzo di una mail di Beniamino Caputo
> "Inopportuno ... non è il tuo pensiero ovviamente, ma il fatto di
> esprimerlo in questa lista.

Non è proprio di buon gusto appiccicare un brano di una mail fuori dal
suo contesto. In quell'occasione (che ricordo bene) Beniamino si
riferiva ad un utente che aveva fatto chiaramente apprezzamenti
politici e razziali, che non c'entravano niente con Ubuntu.


> Ricordiamoci che in questa lista non sono ammesse discussioni politiche,
> sociali, a carattere sessuale, discriminatorie, etc, etc."

Mi sono riletto tutto il threade e credimi non ho trovato nulla di
politico o sessuale.
L'utente ha fatto solo una sua personale critica alle decisioni prese
da ubuntu. Siamo in un clima di libertà e ognuno può esprimere - con
cortesia ed educazione - le proprie opinioni. Se ciò non è consentito,
diventa un'imposizione dittatoriale.


> poi francamente mi sembri OT...
>

A me non tanto. Il fatto è che non abbiamo una ML tecnica e una
generale, quindi tutto viene qui. Si parla delle scelte sui codecs,
mica d'altro.
Forse la discussione avrebbe trovato maggiore spazio in una specifica
sezione del forum (Ubuntu-Bar?)

--
ubuntu-it mailing list
[hidden email]
http://lists.ubuntu.com/mailman/listinfo/ubuntu-it